Project Description

Situato a Eskene, in Kazakhstan, l’EWRP – Eskene West Rail Project è un complesso di oltre 15 edifici destinati alla produzione, stoccaggio e carico su treni merci di oltre 4.500 tonnellate di zolfo al giorno.
L’edificio principale, denominato Sulphur Pastilliation Building, ospita le attività di processo per la trasformazione dello zolfo in pastiglie (presenza di atmosfera ATEX Zona 21). Intorno a questo sorgono gli edifici ausiliari: una sottostazione elettrica, un edificio amministrativo, una stazione dei vigili del fuoco, un edificio per la gestione delle operazioni ferroviarie ed altri edifici di gestione e processo. L’atmosfera esterna è classificata pericolosa per la presenza di gas corrosivi e nocivi quali H2S, SO2. Vista la pericolosità, il complesso richiede elevati standard di sicurezza. In casi di emergenza, infatti, due degli edifici sono progettati per diventare dei rifugi temporanei. Il sistema di controllo dell’ HVAC, in condizioni di emergenza, deve garantire per 3 ore la sopravvivenza di coloro che si trovano all’interno dei rifugi.
L’architettura del sistema di controllo, garantisce il funzionamento delle macchine in emergenza per mantenere la pressurizzazione dei rifugi anche durante le fasi di apertura delle porte esterne, impedendo l’accesso di atmosfera esterna contaminata.
Al fine di garantire la massima affidabilità dei sistemi HVAC, anche le componenti di controllo sono state progettate con la filosofia duty-stanby, all’interno del quadro di controllo principale di ogni building sono presenti due CPU in configurazione alta disponibilità e quindi in grado di sostituire l’unità guasta a “tempo zero”. La stessa filosofia è stata adottata anche per i rack che ospitano le schede I/O di tipo remotato: ogni rack possiede due schede di comunicazione verso le CPU. I building che ospitano i rifugi temporanei sono inoltre dotati di schede e conseguente software SIL per garantire un ulteriore livello di sicurezza data la criticità di questi ambienti.

FORNITURA INTAC
Il progetto riguarda un’attività durata circa 2 anni, eseguita a stretto contatto con i tecnici del cliente finale, nell’ambito della quale INTAC si è occupata di traghettare i sistemi presenti nei vari edifici dai test preliminari al Hand Over, passando per collaudo, avviamento, implementazioni software on-site, revisione documentale e Site Acceptance Test, relativamente ai quadri di potenza e controllo degli impianti HVAC e di altri sistemi elettro-strumentali.